lunedì 18 dicembre 2017

Natale














Vorrei nel prossimo Natale,
trovarmi nella vecchia casa familiare,
sedermi ancora accanto al focolare
ad ascoltare le storie  di Jugale.
Cantare  una  canzone un po' stonata,
con le parole tutte da inventare;
ascoltare il borbottar della pignata
e passare la serata a spizzicare.
Bere un bicchier di vino in compagnia,
udire il suono della zampogna nella via.
Sentir la pioggia che batte alla finestra,
Guardar la fiamma, gialla color  ginestra.
Passare al sonno col tepor del fuoco 
 e sognare un mondo che non è più mio.

                                                    A. Coltellaro

1 commento:

Anonimo ha detto...

u tiampu e cumu u suannu priastu lu facimu e cumu viantu sinneva luntanu ppell'aria infinita ,tra le valli e trempe culline do paise nuastru suonu da Chiesa Santu Nicola o da Modonna o Ritu eppue si u suanu e tutte L'atre chiese L'immacolata Santandria e si la nostra protrettrice a Madonna Da Cerza checcia fattu tanti miraculi sinno avissimu respiratu ludure deluno allaltru . u fattu estatu ca giuventu passata troppu priastru sensa muccia avverte ecchiddi chieranu vicini annue amici famiglia o parianti sinnesunu jiuti sensa muccedicenu addiu era mimoria ncumincia a scivulare ,na cosa potimu dire simu Cujientari paise de scarpari varrilari e cistari bravi e orgugliusi!