martedì 13 giugno 2017

U liune e ru surice




Nu juornu, nu surice sturdutu,
caminnannu é finutu
intra e ciampe
de nu bestiune de liune.


A morte sua  era certa,
ma u liune, chissà pecchì
ce fice grazia e ru lassau fujire.
N'azione bona, se sa, ha sempre ricumpenza.
Ma chine avera dittu
ca a ru liune l'aiutu de nu surice servia?
Un passau mancu nu mise
e pe disgrazia liune ncappau intra na rite.
Gridau, squatrijau
ma pe quantu facia
nescire un ne potia .
U surice c'avia sentutu
e chi d'u bene avutu
un s'era mai scordatu
s'abbbicinau, e chianu chianu
muzicannu, muzicannu, nu grubbu raperiu.
U liune, nu pede ce nzaccau,
a rete se sciunniu ed iddru sinne jiu.


 Antonio Coltellaro
Libera trad. da: le lion et le rat di La Fontaine

2 commenti:

Cataldo Antonio Amoruso ha detto...

Buonasera, sto cercando di scoprire il significato della parola matavaj, che ho trovato in un libro del 1849, e dovrebbe essere di un dialetto delle parti di Vibo o Lamezia. La conoscete per caso? Grazie, Cataldo Antonio Amoruso cataldamor@gmail.com

Tonio ha detto...

Mi spiace. Ho cercato un po' dappertutto; in vocabolari di diversi dialetti della regione, ma non l'ho trovata. Per cercare di arrivare ad un significato bisognerebbe leggere tutta la frase. Si tratta di un sostantivo, di un verbo? Se troverò qualcosa glielo farò sapere. Saluti