lunedì 9 gennaio 2017

A cicala e ra furmica.


Pe n'estate tutta sana

a cicala avia cantatu

e all'arrivu d'a vernata

se trovau tutta  ncamata.

Un d'avia nu vermicieddru

nè nu sulu muscariaddru.

Circau aiutu a ra furmica

chi cridia ca l'era amica.
- Prestame na muddricheddra

de pane o de guasteddra!

Te pue stare sprecurata

ca a ra nova simminata

te pagu, parola d'animale,

l'interesse e u capitale.

A furmica se sa è tirchia,

'un ce sente de sta ricchia.

- oh cummà, le rispunniu

a ru caudu chi facie ?

- D'a matina a ra scurata.

ogne juornu aiu cantatu.

Bene, t'ha fatta na cantata?

E mo fatte na ballata.



libera trad. di Antonio Coltellaro  (Favole di La Fontaine)




Nessun commento: