giovedì 23 novembre 2017

Il campanile rimesso a nuovo

Emigrazione in Svizzera


 Da Inernet:


"
150 anni d’immigrazione italiana in Svizzera
29. SOFFERENZE, ASSOCIAZIONI «DOLCE VITA»
Le condizioni di vita iniziali della prima generazione di immigrati degli anni Sessanta e Settanta devono essere state generalmente dure da sopportare. Sono rare le testimonianze di italiani giunti in Svizzera in quegli anni, che si sono sentiti fin dal primo giorno accettati, rispettati e stimati sia nel posto di lavoro che nella vita sociale: sono eccezioni che confermano la regola. Ben più numerose sono infatti le testimonianze scritte e orali di coloro che hanno dovuto sopravvivere per mesi e persino anni in situazioni di estremo disagio, soprattutto psicologico. Eppure, in una sorta di retrospettiva, mi sembra incontestabile che proprio col loro modo di vivere e di pensare gli immigrati italiani della prima generazione hanno contribuito a trasformare positivamente la società svizzera.
Anzitutto le sofferenze

mercoledì 22 novembre 2017

Consiglio Comunale di Lamezia Terme.


Sciolto il Consiglio Comunale,

Miennula.

 Miennula: mandorla (sf. frutto e albero)

Anche nei dialetti napoletano e siciliano.

 

Facciuzza di na miennula munnata….

Facciuzza di na miennula munnata , si comu na rosa culurita, si nun ti vidi na iurnata a mia mi si squaghia lu cori e a tia la vita.

(Canzone siciliana)

martedì 21 novembre 2017

Attori conflentesi.

L'attore conflentese Giovanni Paola nella sua partecipazione ad un film di qualche anno fa.

lunedì 20 novembre 2017

Zimma

Zimma: porcile.

Di derivazione greca.

Zimmaru : becco , caprone.
Di derivazione greca.

Zimma e zimmaru sono usati, con lo stesso significato, nei dialetti napoletano e siciliano.

Zimmuddrare  (o zimmullare): lanciare; far rotolare.
l'ha zimmuddratu nterra: l'ha buttato a terra.

venerdì 17 novembre 2017

Cimitero.




Comune di Conflenti


A DECORRERE DAL 22 NOVEMBRE PROSSIMO, OGNI MERCOLEDÌ,  DALLE ORE 18,30 ALLE ORE 20,30, IL SINDACO SARÀ A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI NELLA DELEGAZIONE COMUNALE DI SAN MAZZEO, LOCALITÀ SCIOSCI.

mercoledì 15 novembre 2017

Calabria. Storicamente.

Reperti storici calabresi.

Lettera di un emigrato conflentese

Nicolas Vescio
"questa è la storia di un conflentese in Argentina
Sono dovuto emigrare dall'Italia,assieme alla mia famiglia,quando avevo solo sette anni. Ho vissuto un'infanzia infelice in Argentina. Non ho trovato amici,ho dovuto imparare da solo la lingua :. Finita la scuola elementare, sono andato a frequentare il liceo e nello stesso tempo lavoravo per potere studiare.Poi,dopo essere diventato tecnico industriale, ho frequentato il college per ingegnere.Mentre studiavo,continuavo sempre a lavorare per guadagnare i soldi necessari per la scuola e per poter 

martedì 14 novembre 2017

sabato 11 novembre 2017

Emigrazione

Emigrazione italiana

Rivendita Tabacchi.

A targa d'u putighinu e donna Assunta.

venerdì 10 novembre 2017

A storia e san Martinu.

San Martinu, prima d'essere santu, era nu latru periculusu. Si ncuntrava ncunu, ce rubava i sordi e l'ammazzava. Un d'avia pietà pe nessunu.
Nu juornu passannu davanti na chiesiceddra ce veniu  a gulìa e trasire. Dintra c'era nu predicature.
S'assettau arrieti e se mintiu a sentire. U predicature dicìa:
Voliti bene a ru prossimu vuastru cumu  a vue stessi!  Chiddru chi un bue pe tie, un fare a l'autri.
Ripetiu ste parole tante vote  e  Martinu,  penzannu a tuttu u male ch'avia fattu,  se cumbertiu. 

mercoledì 8 novembre 2017

Conflentesi

 Famiglie Roperti - Calabria
Bertu e Tadora era porprietario di una locanda a Conflenti inferiore.

lunedì 6 novembre 2017

domenica 5 novembre 2017

sabato 4 novembre 2017

Campanile

Il campanile del santuario sta ritornando agli splendori di un tempo.
A svettare nella valle per indicare ai pellegrini la via del tempio.

venerdì 3 novembre 2017

La ruga

 La ruga era un luogo dove una volta si nasceva, si cresceva  e  si moriva. Il posto di una vita. Indicava  lo spazio di due - tre vie collegate tra di loro. Ricca di gente di varie generazioni,  era come una casa a cielo aperto  dove tutti si conoscevano.
 Ce n'erano tante nel paese, ognuna con le sue particolarità. Chianu, chianiettu, Trazzinu, Madonna u ritu,  Maruatti ecc. a Conflenti Superiore; a Madonna, a mmaculata, santandria, a ntinna, u Piru,  a Posta vecchia, San giuanni, e Destre  o ciambre ecc. a Conflenti Inferiore.
Ogni ruga aveva i suoi odori, sapori, colori; tutto c'era familiare: le voci, i rumori, persino le pietre.

giovedì 2 novembre 2017

mercoledì 1 novembre 2017

lunedì 30 ottobre 2017

Sasamile


 Sasamile: piccolo rettile conosciuto in italiano come geco.
Vive negli ambienti caldi di tutto il mondo; è imparentato  con le lucertole ed  è innocuo per gli umani. Ha un'incredibile capacità  di  aderire ad ogni tipo di superficie.
In italiano è conosciuto  anche come salamandra.

Nel linguaggio figurato in dialetto indica una persona incapace di qualsiasi reazione.
Si' nu sasamile.

sabato 28 ottobre 2017

Conflentesi



Riccardo Stranges, Pino Bonaccurso, Ortensio Folino, Pasqualino Mastroianni, Franco Rubino.

Savurra

Savurra: zavorra

Piccole pietre che servono al muratore per riempire i vuoti tra due pietre grosse.

lunedì 23 ottobre 2017

rughe cujjentare: Madonna u ritu.


Casa Maria Iudice e poi d'a maestra Tomaino
                                         Foto Aurora.

Aggiungi didascalia

sabato 21 ottobre 2017

A vecchiarella


C’era ‘na vota ‘na vecchiarella senza nissunu a ru munnu. Avìa ‘na casulilla ccu’ ra porta chi mancu se chiudìa, perciò ‘a sira ‘a ligava ccu’ ‘nnu lazzu e se jia a curcare supra ‘nu saccune.
Tuppi, tuppi..! vattìeru ‘na sira a cchira porta. Facìa friddu e nun c’era mancu ‘na vrascia a ru focularu. ‘A vecchiarella pensàu ca potìa essere ‘ncunu chi ‘un se fidava arrivare a ra casa sua e jìu a raperire. Vidìu ‘nu viecchiu ccu’ ‘nnu saccu supra ‘na spalla, chi volìa trasìre mu se riposava. Doppu chi ‘u fice trasìre, ‘a vecchiarella pigliàu l’urtimu pugnu ‘e surache chi le ristavanu, appiccicàu ‘u fùacu ccu’ ‘nnu pocu ‘e ligna c’avìa stipatu ppe’ ru forte d’‘u vìernu, e fice mangiare chiru cristianu. Pue, cce consàu ‘u liettu suu e illa se mise a ddurmire supra ‘na seggia.
 

Rughe cujjentare: Trazzinu





a sagliuta e trazzinu

a casa d'e Luca (ex giuanninu Fuolinu)

Casa Vaccaru (ex purziani).
L'arcu

 Foto Aurora.
a scinnuta
a funtana