venerdì 26 febbraio 2010

A nascita mia

iu vinni a  stu munnu
'u mise 'e frevaru
e propriamente i due
'u juonu d' a Cannilora.
 Facia 'nu friddu chi a ru fuocularu
chiatrava puru l'acqua de la cassalora.
I genitori mie misi 'mpagura
penzaru de me fare vattijare
e priastu priastu intra 'nu quartu d'ura
a ra parrocchia me ficeru portare.
De cummari me fice za Maria
suaru de mamma e bona de custume
tenia ra faccia china 'e malincunia
e Cerminara se chiamava de cugnume.
'u nume me mintiaru de nu santu
Chi a Paula se passau i juorni sue
a mie stu nume me piace tantu 
e criju sia lu stessu pe tutti vue
Franciscu foze assai miraculusu 
varcau ru mare supra de nu mantu
fice ra carità, fu scrupulusu
e Diu si ce vinniudi tuttu quantu

 Francesco Butera 
( Conflenti 02- 02-1914  Firenze 22 -02 -2010)

il dialetto di Butera

‘U tamarru’ e ra serpa
Il bifolco e il serpente

Criju ca vinn‘aviti ‘e ricurdare:
‘Na vota ‘nu tamarru corazzune,
Vidìennu ‘nu curzune
Chi stava ppe’ spirare,
‘U ‘mmiviscìu, dunànnule riciettu
Intra ‘na rasa ‘e piettu.
Ma chiru scilliratu
(Quannu dici curzune!)
‘Mparu pigliàudi jatu,
‘U capu muzicune
Le dezedi vicinu
A cchira minna, dduve avìa ppusatu
‘A capu ppe’ cuscinu!
E sì nu’ffora statu
Ca ‘nu bbuonu varvieri,
Praticu d”o mistieri,
Le fucàu ra firita,
Cce appizzava ra vita!
Pped’ogned’àutru,
‘ssa lizzione amara
Avèradi giuvatu;
Ma ‘nu tamarru, capituostu natu,
Pate e ‘nnu ‘mpara!
‘Mpatti, cumu vidìu ‘nna ciucciarella
Chi s’era a ra capizza ‘ncatturata
E stava, ppovarella,
Ppe’ scigulare de ‘na pinninata,
A ru ‘mpàru currìu ppe’ ra tirare;
M’ ‘a ra squatricijata
Chi chilla fice,‘e ‘n terra ppe’ s‘azare,
Le sparàu, nnu’ bbulennu,‘na cucchiata
De cauci a re vudella
E cce appizzau ra pella.

Ad aiutare i mali sunu guai:
M’ad’aiutare i ciuoti è ppieju assai!


giovedì 25 febbraio 2010

Ragazzi a Conflenti



 Nella foto in alto Egidio  è col padre. Nell'altra  con un altro conflentese: Fernando Folino    









Negli anni cinquanta a Conflenti, nelle famiglie c'era una media di quattro - cinque figli. La maggior parte delle case erano piccole (di solito una stanza che faceva da camera da letto, da camera da pranzo e anche da bagno) . I ragazzi per necessità  vivevano soprattutto  nella strada.







conflentesi in guerra

Lettera dal fronte- Prima guerra Mondiale

mercoledì 24 febbraio 2010

Negozi di tessuti

Negli anni cinquanta a Conflenti  c'erano due negozi di tessuti ed erano tutti e due ben avviati.  Due donne gestivano l'uno e l'altro.  L'una era Misia (Carino), moglie di Ernesto Baratta, affiancata dal figlio Ciccio. l'altra Giuannina (Giovannina Stranges), moglie di Francesco (Ninni) Roperti ( a lungo sindaco di Conflenti).  Tutte e due molto affabili, riuscivano ad avere un buon rapporto con la clientela,  a quei tempi  molto numerosa.


martedì 23 febbraio 2010

Corna

 Chi corna fa, curnutu more
Chi fa le corna, muore cornuto 


L'uominu gilusu, more curnutu
L'uomo geloso, muore cornuto


Parranu d'u diavulu e spuntanu 'e corna
Parlano del diavolo e spuntano le corna
 
Si dice quando appare la persona di cui si sta parlando.
Le radici della catalpa di Leone Carino - Storia in versi del paese e di personaggi conflentesi



cliccare sul titolo

lunedì 22 febbraio 2010

Caffé di una volta



 A Conflenti oggi di bar ce ne sono tanti; quasi tutti moderni, eleganti, ben riforniti  e con una buona clientela, specialmente d'estate. Agli inizi del Novecento c'era invece solo qualche "cantina" (tra queste : Giuanni 'u panettieri a Conflenti Superiore; Michele 'e Sassina a Conflenti Inferiore) dove si andava esclusivamente per bere  un bicchiere di buon vino. La prima svolta per il cambiamento fu data, sul finire degli anni venti,  da Nicola Coltellaro che, dopo aver lavorato per nove anni in Brasile, ritornò in paese e aprì a Conflenti Inferiore  sulla via principale il primo caffé di tipo moderno.

sabato 20 febbraio 2010

Aforisma di A. Porchia

El hombre habla de todo y habla de todo como si el conocimiento de todo estuviese todo en èl

' a gente parra de tuttu  e parra de tuttu cumu si tuttu 'u sapire fora tuttu a ra capu sua

L'uomo parla di tutto  e parla di tutto come se  la conoscenza di tutto fosse tutta in lui.

Calendario 2010

Fare un calendario non è una prerogativa delle grandi attrici. Anche nonna Esterina ha fatto il suo.

giovedì 18 febbraio 2010

'u mastru - Apprendistato

A lu mastru

Li mammi 'ndi mandavanu  a lu mastru
pemmu 'mparamu arti e ddocazioni
e nui cotrari arretu a nnu pilastru
'ndi stavamu assettati bboni bboni.

Di tantu ntantu jemu a la funtana
pemmu pigghiamu acqua de 'mbiviri
si nno sulu la sira, a la campana,
cercàvamu permessu di nisciri.
Dominica puliti e pettinati
Ndi  ndi jemu a lu mastru novamenti
speranndo ca corcosa ndi rigala.

Chi nci volia di supa pemmu cala!
E quandu ndi dicia ca no 'nc'è nenti
scappàvamu a la casa 'mpuzzunati.

 Vincenzo Ammirà  (dialetto vibonese)

mastru: maestro (indica colui che già conosce il mestiere e lo insegna  agli altri)
cotrari : ragazzi (in altre parti della Calabria: quatrari)
a la campana: al suono dell'Ave Maria
supa: sopra
calare: scendere
'mpuzzunati: sconfortati




sabato 13 febbraio 2010

Padre Giuseppe Maria Roberti

Padre Giuseppe Maria Roberti (Cujjienti, 18 jennaru 1869 –Roma 1936) è stato nu teolugu.
Quann'era ancora guagliune è trasutu  a ru cumbientu 'e Paula, duve è diventatu monacu.

Ha studiatu a Roma duve ha pigliatu tri lauree: teologia, filosofia e Lettere.
e' diventatu prievite 'u 1892.
S'è occupatu suprattuttu d' a storia de i Minimi  e n'è statu du 1918 a ru 1924 "Correttore generale" chi vo dire  ch'era 'ncaricatu d'a direzione spirituale e religiosa d'a comunità religiosa.

Padre Roberti

Opere:

  • Disegno storico dell'Ordine de' Minimi dalla morte del santo Institutore fino ai nostri tempi , 3 voll. - Roma 1902, 1909, 1922
  • Cenni storici del Santuario di S. Francesco di Paola aPaternò Calabro , Roma, Poliglotta, 1898.
  • Il culto esterno nella Chiesa Cattolica. Tip. Pont. Pustet, 1902.
  • S. Francesco di Paola. Storia della sua vita , Roma Off. Pol. Laziale, 1915, pp. 736

giovedì 11 febbraio 2010

Caminare - Camminare

Chi camina dirittu, 'un se spagna
Chi si comporta bene, non ha niente da temere

Chi camina 'un strude  scarpe
Chi  si muove e cerca, ha sempre da guadagnare

Chine camina chianu, camina sanu
Chi cammina piano, cammina sano

Lettere dalla prigionia

Molti conflentesi furono prigionieri durante la guerra. Tra essi  i fratelli Guido e Peppino Stranges, trattenuti in India in due campi a pochi chilometri di distanza.
Cliccare sulle foto per ingrandirle.

martedì 9 febbraio 2010

Miracolo autenticato a Conflenti

Atto Notorio di  un miracolo a Conflenti.
da: Il  Santuario di Maria SS delle Grazie  di C. Angotti.


Cliccare sulla foto per ingrandire e leggere.

lunedì 8 febbraio 2010

Aforisma di A. Porchia

El hombre es débil y cuando ejerce la profesión de fuerte es más débil

l'uominu è debule e quannu vo fare 'u forte è ancora  chiù debule


L'uomo è debole, ma quando vuol fare il forte è ancora più debole.

domenica 7 febbraio 2010

Enzo Butera

Enzo Butera scultore conflentese

Enzo Butera  affermato scultore,  nato a Conflenti Superiore vive attualmente a Fiesole (FI). E' figlio  di Francesco Butera e Maria Colosimo. E' sposato con Luciana ed ha due figlie: Giulia e Mara.
Artista poliedrico (pittura, scultura, grafica).
Ha effettuato diverse mostre in Italia  e all'estero, ottenendo importanti riconoscimenti.
Ha vissuto la sua infanzia a Conflenti.
Si è poi trasferito insieme a tutta la sua famiglia a Catanzaro. Qui in collaborazione con  altri, tra cui  alcuni conflentesi ( Franco Politano, Vincenzo Colosimo), ha fondato la prima filodrammatica della città.
Ha poi vissuto in alcune città italiane tra cui Roma dove ha frequentato  l' Accademia Nazionale d'Arte Drammatica  " Silvio D'Amico " . Ha  lavorato in diverse e importanti compagnie teatrali.
Ha risieduto,a lungo, a Zurigo ( Svizzera), città di cui è originaria la moglie, e a Venezia. 
Attivo politicamente, è stato assessore all'ambiente nel comune di Fiesole.


Cliccare sul titolo per andare sul suo sito e conoscere maggiori particolari sulla sua vita e sulla sua opera. 

L'albero della libertà

venerdì 5 febbraio 2010

Aforisma di A. Porchia

un alma santa no nace de un paraiso; nace de un infierno

n'anima santa 'un nasce de nu paradisu; nasce de nu 'mpiernu


un'anima santa  non nasce da un paradiso, ma da un inferno

Maria Teresa di Calcutta

Quannu fai bene, si 'a gente dice ca 'u fai pe utile 'u tue, lassala parrare, falu 'u stessu.


                 Maria Teresa di Calcutta

giovedì 4 febbraio 2010

Francu 'e Rinucciu

Francu 'e Rinucciu è statu pe luongu tiempu proprietariu du bar Centrale. Pue ha lavoratu a re poste. S'è spusatu cu Angela Scardamaglia e mo vivenu a Bella 'e Nicastru.  Tene tri figli: Jennaru, Remu, Gianna.

Dialetto cosentino

 Frevaru biellu mise sientu dire
veni alli stremi de Carnelevare
nun vidi autru ca fimmine  jire
lavannu spiti, lavannu quadare

Marzu  puru saria 'nu biellu mise
se nun avissi li vienti friddusi
'ngrassa li voi e conza li majisi
e la cuoppola carca  alli tignusi.

                                                    Glossario:
spiti: spiedi
quadara : grosso pentolone, caldaia
voi : buoi

mercoledì 3 febbraio 2010

'A scola - la scuola

'a scola: la scuola  'u maestru ('u mestru): il maestro  'a maestra (anche 'a mestra): la maestra  'a pinna: la penna 'u pinninu: il pennino 'u lapis(si): il lapis  'u gessu: il gesso ' a lavagna   'u bancu  'i banchi  'u quadernu    quadernu a quatretti  quadernu a righe  'u 'nchiuostru: l'inchiostro  'u calamaru: il calamaio 'u libru  ' a gumma  'u bidellu  'u registru  'a ricreazione  'a zaneddra : la cartella 'u grembiule singa: linea 
'u scolaru  'a scolara 'a bacchetta  i cumpagni 'u fogliu



Leiere o lejire   scrivere  o scrivire  cuntare


jire a permessu: andare a fare i propri bisogni

martedì 2 febbraio 2010

Pillole di saggezza

Vittoria Butera  
Pillole di saggezza                                         
La vita  e l'opera di Antonio Porchia

lunedì 1 febbraio 2010

Ditti -uccelli

L'agiaddru intra 'a caggia no sempre  canta pe amure, ma pe raggia
L'uccello nella gabbia non sempre canta per amore, ma per rabbia 


L'agiaddru va duve trova granu
L'uccello va dove trova grano ( da mangiare)


Ogni  agiaddru canusce  'u nidu sue
Ogni uccello conosce il suo nido.

Aforisma di A. Porchia

 Las cadenas que más nos encadenan, son las cadenas que hemos roto
'e catine chi ne 'ncatinanu 'e cchiù su' chiddre c'avimu ruttu


The chains that bind us most closely are the ones we have broken.