lunedì 30 novembre 2009

Novecento conflentese

Calipari è stato, negli anni quaranta  del secolo scorso, proprietario  di  una macchina di noleggio, poi, agli inizi degli anni cinquanta, proprietario  di un  negozio di ferramenta a Conflenti Inferiore (a ru Piru)

domenica 29 novembre 2009

Matrimoni conflentesi

A destra, in alto, un matrimonio del 1938. Gli sposi sono Antonio Baratta e Esterina Roperti.
Il documento sottostante   riguarda il loro contratto di matrimonio.

A sinistra un matrimonio del 1960. Gli sposi sono Maria  Rosaria Roperti e Franco Notarianni (accanto slla sposa il padre Riccardo, conosciuto a Conflenti come Sidoro)

giovedì 26 novembre 2009

mercoledì 25 novembre 2009

Conflentese ordinato parroco della chiesa B. V. della Neve di Tiriolo

 Congratulazioni al parroco, Giovanni Marotta, e ai genitori: Gino e Cristina Marotta di Conflenti Superiore

Cliccare sul titolo per vedere le foto

lunedì 23 novembre 2009

Nicola Butera, sindaco di Conflenti

Nicola Butera e Antonio Baratta a Nicastro nella villa comunale di Piazza d'Armi.

Nicola Butera è stato sindaco di Conflenti subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.
Antonio Baratta è stato proprietario negli anni cinquanta del Novecento di un negozio di alimentari  nella zona dov'è attualmente situato il Municipio. Era anche muratore.

sabato 21 novembre 2009

Mele e fele

A fimmina mia
quannu camina,
pare na riggina
e a gente
ch'a vide
a cride 'na santa.
Dice: chi bona!
chi bella,
Chi cara!
ma 'un sa
quant'è amara.
'Un sa quantu fele
s'ammuccia
arriati
sta maschera de mele.

A. Coltellaro

martedì 17 novembre 2009

lunedì 16 novembre 2009

domenica 15 novembre 2009

La storia di Stefano


Ciampa, ciampare, ciampaniare

Ciampa:  zampa della bestie. Viene usato anche per le persone per  pede (piede)
guarda chi ciampe chi tene!
Ciampare: pestare, calpestare
m'ha ciampatu!
ciamparijare o ciampaliare: calpestare di qua e di là.
ciampuniare: calpestare rovinando
m'ha ciampuniatu 'u vasilicoi (basilico);


Ciampata: pestata, impronta., zampata
c'è 'na ciampata 'e voi
'nu mulu l'ha dunatu 'na ciampata
un mulo gli ha dato una zampata (calcio)


 Ciampatina: pestata, piccola impronta.
'na ciampatina 'e gattu : un'impronta di gatto

A Sambiase  corrispondono: ciampa, ciampari, ciamparijari


Etimologia di zampa:  incrocio di di gampa poi gamba con zanca (lat.med.: scarpa)

giovedì 12 novembre 2009

Ciucci

N'uominu a na fera avia  cumpratu cinque ciucci. Pue saglie supra a unu e sinne torna a ra casa. Strada faciennu se vota arriati  e ri cunta; s'adduna ca 'mbece 'e cinque su diventati quattru. Cunta, torna cunta: su' sempre quattru. Allora torna arriati e all'uominu chi ce l'avia vinnuti dice: tu m'hai 'mbrogliatu; 'mbece 'e cinque ciucci mi n'hai datu quattru. Chiddru guarda e cunta: unu, due, tri, quattru.... pue dice: iu veramente n'aiu cuntatu sie; 'u quintu è suttu 'u culu tue e cu tie su sie.
                                        A.Coltellaro

martedì 10 novembre 2009

Novecento conflentese

Esterina Baratta, conflentese,  attualmente abitante a Nicastro, è stata una donna che ha svolto un ruolo importante, negli anni cinquanta, a Conflenti.

domenica 8 novembre 2009

juta e binuta (andata e ritorno)

u ciucciu

Avia na vota n'uominu nu ciucciu
ch'avia perdutu a gula 'e fatigare
pe quantu ce facia, u poveru patrune
u ciucciu, tuostu, un capiscia ragiune.
E na matina ch'era propriu 'ncazzatu
u piglia, u liga e ru porta a ru mercatu.
A prisenza era bona, a gula 'un se vidia
tiempu nu paru d'ure  e già u vinnia.
e pe ra cuntentizza de cumu l'era juta
 a ra cantina  jiu a se  fare na  vivuta.
Ma n'atru ciucciu vuiliannuse accattare
a fera fera, se mintiu a girare.
C'era nu ciucciu  lisciu e profumatu
chi u guardava c'uacchi e nnammuratu.
Custava caru, ma 'un ce steze a penzare
na stritta 'e manu e cunchidiu l'affare.
Ce saglie supra, e parrannu e bastunannu
a ru ciucciu a via d'a casa va 'mparannu.
Ma u vinu e ra stanchizza eranu tanti
ca   u ciucciu lassa sulu jire avanti.
Pue chiù tardu, appena se rispiglia
se guarda attuornu cu granne meraviglia
e chi te vide? ca u ciucciu sprecuratu
n'atra vota a ra casa era tornatu

                               Antonio Coltellaro


Questa storia si riferisce ad un fatto realmente accaduto a Conflenti.
Il proprietario dell'asino l'aveva portato alla fiera per venderlo. Lo vendette, ma gli zingari, molto abili, lo trasformarono in poco tempo  e glielo rivendettero a un  prezzo maggiorato.

sabato 7 novembre 2009

mercoledì 4 novembre 2009

Ma dove sono finiti i soldi stanziati per il consolidamento e il restauro della chiesa di San Nicola ?

Interessante articolo nel sito del conflentese Egidio Baratta (www.lavocedinocera.it )

Cliccare sul titolo

Certificato


Oggi per ottenere un posto di lavoro bisogna presentare un diploma.
Pare  invece che una volta  per permettere a qualcuno di  assumere un servizio,  lo si autorizzasse  a non frequentare più la scuola.
E' quanto si deduce dal certificato  accanto, in cui un conflentese viene esentato  dall'obbligo della frequenza scolastica  per consentirgli  di  iniziare il servizio di portalettere.
Il certificato  è del 1941. Anno XIX