martedì 29 dicembre 2009

Saluti a casa

Stamme a sentire 'nto, si tinne vai
passa d'a casa mia, vatte a ra porta
e aspetta pue nu pocu, 'un tinne jire
prima ca 'ncunu te  vene a raperire.
C'ha d'essere muglierma, sugnu sicuru
e ''nu guagliune chi è ancora criaturu.
Dicce ca staju buonu, sugnu cuntientu
de stu paise stranu 'un me lamientu.
Ca l'aria è bona, 'u pane 'un me manca
e ra fatica pe' daveru 'un me stanca.
Dacce sti sordi, teh,'un m'i perdire
e si 'cun'autra cosa volesse sapire
scordate tuttu quantu e 'un dire quantu
sira pe' sira m'abbunnacu 'e chiantu

 Antonio Coltellaro

Bon Annu

 Cujjentaru:

Bon annu  ad amici e parienti
a tutta a gente ch'è nata a ri Cujjienti.
Bon annu a chine è  bicinu  e a chine è luntanu
a  chine vive a Roma,  a  Berna e a Marturanu,
Bon annu a chine va, a chine torna
a chine le scura e a chine le 'njorna.
Bon annu a chine è sulu e a chine è ncumpagnia
a chine è  a ra casa e a chine è mienzu a via.

Bon annu  a chine è sanu e a chine è malatu
Bon annu a tutta a gente d'u creatu.


ALBANIAN Gëzuar vitin e ri
ALSATIAN e glëckliches nëies / güets nëies johr
ARABIC aam saiid / sana saiida
ARMENIAN shnorhavor nor tari
AZERI yeni iliniz mubarek
BAMBARA bonne année
BASQUE urte berri on
BELARUSIAN З новым годам (Z novym hodam)
BENGALI subho nababarsho
BERBER asgwas amegas
BETI mbembe mbu
BOBO bonne année
BOSNIAN sretna nova godina
BRETON bloavez mad
BULGARIAN честита нова година (chestita nova godina)
BIRMAN hnit thit ku mingalar pa
 
CATALAN feliç any nou
CHINESE xin nièn kuai le / xin nièn hao
CORSICAN pace e salute
CROAT sretna nova godina
CZECH šťastný nový rok
DANISH godt nytår
DUTCH gelukkig Nieuwjaar 


 
 English   

Happy New Year

ESPERANTO felicxan novan jaron
feliæan novan jaron (Times SudEuro font)
ESTONIAN head uut aastat
FAROESE gott nýggjár
FINNISH onnellista uutta vuotta
FLEMISH gelukkig Nieuwjaar 


FRENCH bonne année 

 
FRIULAN bon an   
GALICIAN feliz aninovo
GEORGIAN gilotsavt aral tsels 


GERMAN ein gutes neues Jahr / prost Neujahr 

 
GREEK kali chronia / kali xronia

GUARANÍ rogüerohory año nuévo-re
HAITIAN CREOLE bònn ané
HAWAIIAN hauoli makahiki hou
HEBREW shana tova
HINDI nav varsh ki subhkamna
HUNGARIAN boldog új évet
ICELANDIC farsælt komandi ár
INDONESIAN selamat tahun baru
IRISH GAELIC ath bhliain faoi mhaise 


ITALIAN felice anno nuovo, buon anno 

 
JAPANESE akemashite omedetô
KABYLIAN asseguèsse-ameguèsse
KANNADA hosa varshada shubhaashayagalu
KHMER sur sdei chhnam thmei
KIRUNDI umwaka mwiza
KOREAN seh heh bok mani bat uh seyo
KURDE sala we ya nû pîroz be
LAO sabai di pi mai
LATIN
felix sit annus novus  
LATVIAN laimīgo Jauno gadu
LINGALA bonana / mbula ya sika elamu na tonbeli yo
LITHUANIAN laimingų Naujųjų Metų
LOW SAXON gelükkig nyjaar
LUXEMBOURGEOIS e gudd neit Joër
MACEDONIAN srekna nova godina
MALAGASY arahaba tratry ny taona
MALAY selamat tahun baru
MALTESE sena gdida mimlija risq
MAORI kia hari te tau hou
MONGOLIAN shine jiliin bayariin mend hurgeye (Шинэ жилийн баярын мэнд хvргэе)
MORÉ wênd na kô-d yuum-songo
NORWEGIAN godt nytt år
OCCITAN bon annada
PERSIAN sâle no mobârak
POLISH szczęśliwego nowego roku
PORTUGUESE feliz ano novo
ROMANI bangi vasilica baxt
ROMANIAN un an nou fericit / la mulţi ani
RUSSIAN С Новым Годом (S novim godom)
SAMOAN ia manuia le tausaga fou
SANGO nzoni fini ngou


lunedì 28 dicembre 2009

Matrimoni Conflentesi






Matrimonio  conflentese anni settanta. Ivana Paola e Pino Folino.
Nella foto a fianco in prima fila: Pasqualino Rubino, Domenico Cimino (don Micu), Francesco Folino (padre dello sposo), Vittorio Paola (padre della sposa)
In seconda fila: Michele Cimino, Ettore (Ettorino?) Paola, gli sposi, Tommaso Cimino, Albino Colosimo .?
Domenico Cimino è stato a lungo direttore delle Poste di Conflenti.
Vittorio Paola era titolare di un negozio di alimentari a Conflenti Superiore.

domenica 27 dicembre 2009

Conflenti

 Conflenti

Piensu 'i Cujjienti  miu, duve nascivi
E cchira Petra 'e Cani 'ntieri a casa
Ca mancu dissi addiu, quannu partivi
e mancu vitti ad unu mu me vasa!
Ma de la vucca mia autru nun sienti
quannu li viju cchiu lu  miu Cujjienti?
Le Pastine, lu jume, la Cerzulla
la Lisca, le Pantana e Riventinu
chiri terreni siminati a sulla
'u zu Nicola cu ru sue mulinu...
Ricuordu de l'alive li parmienti
fina chi muoru piensu li Cujjienti.
E Serra d'Urzu e ppuru 'u Chjanu 'a Cruce
d'e Cavinelle jiamu a ra Carrara
All'uortu chiru granne pede e nuce
de frittule nne inchjamu 'na quadara
Tuttu era biellu ma li mie turmienti
Su' quannu iu piensu a chillu miu Cujjienti
Partivi ppe nun fare lu surdatu
ca a chiri tiempi malu se stavia
eppuru pecchì tannu era spusatu
Cumu lassava lla Rosina mia ?
Nun piensu tantu  tutti li parienti
Quantu chi  iu piensu a chillu miu Cujjienti

Dante Raso

martedì 22 dicembre 2009

lunedì 21 dicembre 2009

Una star conflentese

Alma del Rio (vero nome: Ines Raso). 
Attrice conflentese degli anni cinquanta-sessanta.

Era nata a Conflenti Superiore.

sabato 19 dicembre 2009

'a putiga d'u custulieri ( il negozio del sarto)

A putiga d'u custulieri eradi fatta de 'nu bancune ppe tagliare i vestiti;  stu bancune avia de essere minumu nu metru  e ottanta centimetri 'e  lunghizza e novanta centimitri e larghizza. L'atizza era sicunnu quantu era autu 'u custulieri.
Pue c'era na machina 'e cusire  a puntu dirittu e ru fierru a carvuni chi, diversamente de chiddru d'e custulere,  'un d'avia grubbi  a ri lati.
'u custulieri ppe stirare avia 'nu cavallettu, ppe 'un fare fare chiche d'a parte e sutta d'i cauzi.
Pe tagliare 'a stoffa avia tante righe: 'a squatra, 'na riga diritta, longa armenu ottanta centimetri; due o tri righe curve e fuorvici  pe custulieri, granne e picciule. Pue avia tanti jirirtali senza  grubbari, achi granni e picciuli e ru gessu pe signare supra a stoffa.  'u metru era luongu armenu cientu cinquanta centimetri.
I sarti buoni avianu puru nu manichinu  ppe cce provare a giacca.

 (notizie fornite dal conflentese Gildo Rubino ex-sarto)

Glossario:
 putiga: negozio; laboratorio
 custulieri o custuliari: sarto
avia: aveva
autu : alto
custulere : sarte
cusire: cucire  (sambiase: cusiri)
cauzi: pantaloni
fuorvici: forbici
jiritale: ditale
grubbari: buchi

venerdì 18 dicembre 2009

Un paese come un presepio



   " Viju  de frunte a mmie pped’ogne bbanna
 Muntagne e ppue muntagne
 Ammantate de cerze e dde castagne
 Càrriche de giurranna. "

giovedì 17 dicembre 2009

Portale e battenti (maniglie)

Uno dei tanti magnifici portali conflentesi con "maniglie"
Posted by Picasa

mercoledì 16 dicembre 2009

Poesia di Natale


Natale


     'A solita zampugna colarusa,
Ccu ra nive, è scinnuta a ra marina;
E, mmo, de vientu e dde lamientu chjna,
Sona ra ninna ad ogne pporta chiusa.
E' ra santa Vijìlia de Natale:

Sona, zampugna, sona 'a Pasturale!

     Sona! Pped'ogne nnota chi me porta,
Mo chianu chianu e mmo cchiù fforte 'u vìentu,
Intra 'stu core miu turnare sientu
Tutta 'na vita chi cridivi morta,
E mmi s'acqueta 'n core ogni tturmientu,
E ppassu supra ad ogne ccosa storta.


     Mentre staju, ccussì, tra dormebbiglia,
Trase ru suonu duce de 'na n'gaglia;
M'accarizza re ricchie, me rispiglia,
E mme porta, ccussì, cumu 'na paglia,
Ppe' fforza de va vide quale 'ncantu,
A ttiempi 'e mo luntani 'u' sse sa qquantu.


      E, all'umbra de 'na granne ciminera,
Viju 'n 'ardente, caru fuocularu;
'Nu zuccu  'ncarpinatu  paru paru,
Arde ccumu 'na cima de jacchèra.
'Ntuornu cce su': 'nna Vecchiarella accorta
E nnannu e ttata.  Mamma, no! M'è mmorta!


     'A vecchiarella mia, fusu e ccunocchia,
Fila ccumu sulìadi  'n quatraranza;
Iu le zumpu cuntientu a re jinocchia,
Illa me cunta llesta 'na rumanza...
E ra zampugna sona 'n luntananza
E ri cumpagni mie le fàu ra rocchia.


     Sona, zampugna! Pòrtame luntanu,
A ri tiempi filici 'e quatraranza;
A Nnanna chi filava cchianu chianu,
'Ntramente me cuntava 'nna rumanza;
A ru zuccu chi ardìa, ssempre cchiù cchiaru
Sutt'a camastra de 'nu fuocularu!

                                                     


Vittorio Butera


Traduzione

Natale
La solita zampogna malinconica è scesa, con la neve, alla marina! E ora, piena d'aria e di lamento, suona la ninna davanti a ogni porta chiusa. É la santa Vigilia di Natale. Suona zampogna! Suona la Pastorale

Suona! E per ogni nota che mi porta , ora  più piano, ora più forte il vento, dentro questo mio cuore ritornare sento, tutta una vita che credevo morta, e mi si calma in cuore ogni tormento e passo sopra ad ogni cosa storta..

Mentre resto così, nel dormiveglia, il suono dolce entra da una fessura; mi accarezza le orecchie, mi sveglia, e mi porta così come una  paglia, per forza non si sa di quale incanto, a tempi ormai lontani  non si sa quanto.  

E all'ombra di un  grande camino, vedo in un caro focolare ardente; un ceppo che brucia da tutte le parti come l’estremità di una fiaccola di teda. Intorno ci sono:  una vecchietta saggia, il nonno, il babbo. Mamma, no! E' morta!

La vecchietta mia, fuso e conocchia, fila come soleva in gioventù; io contento salto sulle sue ginocchia e lei mi racconta subito una storia..

E la zampogna suona in lontananza e i miei compagni le fanno crocchio.

Suona, zampogna! Portami lontano ai tempi felici della fanciullezza; dalla nonna che filava piano piano, mentre mi raccontava una storia; al ceppo che ardeva sempre più luminoso sotto la cappa di un focolare.


lunedì 14 dicembre 2009

Emigrazione


"Ci sono due Americhe: l'una, quella dei capitalisti; l'altra quella dei poveri lavoratori che per guadagnare devono sudare sangue."
Lo scrive un emigrato conflentese in una lettera del 1928.
Notare la buona grafia e la corretta ortografia.
Per ingrandire cliccare sulla lettera

sabato 12 dicembre 2009

Santa Lucia




u tridici 'e dicembre a ri Cujjienti  suprani è ra festa 'e  santa Lucia.
Chissa è ra statua chi se trova a ra Madonna 'u ritu.

A destra, la statua portata in processione a Conflenti Superiore

venerdì 11 dicembre 2009

fimmine cujjentare - Cherchez la femme






Nella  società conflentese di una volta era sempre l'uomo a svolgere tutte le attività commerciali e la donna cercava di apparire il meno possible.Quasi sempre però lavorava nell'ombra ed era  lei che determinava  le  scelte più importanti.  Pertanto è vero che dietro il successo di un uomo c'è una donna.
Come dicono i francesi : cherchez la femme!



martedì 8 dicembre 2009

Due fratelli conflentesi

I fratelli Antonio ed Ernesto Baratta e una figlia di quest'ultimo.
Ernesto era proprietario con la moglie Misia di un negozio di abbigliamento a Conflenti Inferiore.
     Commerciava anche in vino ed esportava quello conflentese   in molte zone della Calabria.
Si è poi trasferito con tutta la famiglia a Nicastro.

A Conflenti, sino agli anni sessanta, la produzione di vino era molto alta ed esistevano diversi commercianti che si occupavano dell'acquisto presso i produttori locali e della vendita in varie zone della Calabria.
Tra essi: Ninni Roperti, Sestino Folino, Peppe 'e Vricida con il figlio Antonio, Lelle 'u magaru.

lunedì 7 dicembre 2009

Un paese di bambini

Madonna, quanti guagliuni c'eranu 'na vota!

domenica 6 dicembre 2009

Na via 'e na vota.

E' visibile la strada lastricata, così com'era una volta.  In fondo casa Isabella. Sulla destra è visibile una sedia  che ricorda l'abitudine dei conflentesi  di sedersi  e fare gruppo davanti alla porta di casa.

sabato 5 dicembre 2009

Famiglia conflentese

Famiglia conflentese. Bruno Gimigliano con moglie e figli.
Bruno Gimigliano, dagli anni quaranta sino agli anni settanta, faceva l'autista.
Dapprima personale per la famiglia Montoro e poi pubblico per chi doveva spostarsi  a Nicastro, Catanzaro o altrove.

venerdì 4 dicembre 2009

Processione di san Nicola




Il  6 dicembre è la festa di san Nicola, patrono di Conflenti Superiore.
Nel paese però si celebra la seconda domenica di maggio.

'Na bedda quatrara cujjentara de 'na vota

Una star conflentese degli  anni quaranta- cinquanta: Bice Roperti.

martedì 1 dicembre 2009

Uno stilista a Conflenti



Nella prima metà  del Novecento  a Conflenti, tra i tanti sarti, ce n'era  uno, ritenuto dai conflentesi, in genere non sempre pronti a riconoscere i meriti dei compaesani,  molto bravo.  Si chiamava Pietro Roperti  (Pietru 'e Rosa) e lavorava soprattutto per le donne. Si servivano da lui i nobili del paese e quelli dei dintorni.  ( ad esempio:i Colosimo e i Sacchi di Motta Santa Lucia)




lunedì 30 novembre 2009

Novecento conflentese

Calipari è stato, negli anni quaranta  del secolo scorso, proprietario  di  una macchina di noleggio, poi, agli inizi degli anni cinquanta, proprietario  di un  negozio di ferramenta a Conflenti Inferiore (a ru Piru)

domenica 29 novembre 2009

Matrimoni conflentesi

A destra, in alto, un matrimonio del 1938. Gli sposi sono Antonio Baratta e Esterina Roperti.
Il documento sottostante   riguarda il loro contratto di matrimonio.

A sinistra un matrimonio del 1960. Gli sposi sono Maria  Rosaria Roperti e Franco Notarianni (accanto slla sposa il padre Riccardo, conosciuto a Conflenti come Sidoro)

giovedì 26 novembre 2009

mercoledì 25 novembre 2009

Conflentese ordinato parroco della chiesa B. V. della Neve di Tiriolo

 Congratulazioni al parroco, Giovanni Marotta, e ai genitori: Gino e Cristina Marotta di Conflenti Superiore

Cliccare sul titolo per vedere le foto

lunedì 23 novembre 2009

Nicola Butera, sindaco di Conflenti

Nicola Butera e Antonio Baratta a Nicastro nella villa comunale di Piazza d'Armi.

Nicola Butera è stato sindaco di Conflenti subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.
Antonio Baratta è stato proprietario negli anni cinquanta del Novecento di un negozio di alimentari  nella zona dov'è attualmente situato il Municipio. Era anche muratore.

sabato 21 novembre 2009

Mele e fele

A fimmina mia
quannu camina,
pare na riggina
e a gente
ch'a vide
a cride 'na santa.
Dice: chi bona!
chi bella,
Chi cara!
ma 'un sa
quant'è amara.
'Un sa quantu fele
s'ammuccia
arriati
sta maschera de mele.

A. Coltellaro

martedì 17 novembre 2009

lunedì 16 novembre 2009

domenica 15 novembre 2009

La storia di Stefano


Ciampa, ciampare, ciampaniare

Ciampa:  zampa della bestie. Viene usato anche per le persone per  pede (piede)
guarda chi ciampe chi tene!
Ciampare: pestare, calpestare
m'ha ciampatu!
ciamparijare o ciampaliare: calpestare di qua e di là.
ciampuniare: calpestare rovinando
m'ha ciampuniatu 'u vasilicoi (basilico);


Ciampata: pestata, impronta., zampata
c'è 'na ciampata 'e voi
'nu mulu l'ha dunatu 'na ciampata
un mulo gli ha dato una zampata (calcio)


 Ciampatina: pestata, piccola impronta.
'na ciampatina 'e gattu : un'impronta di gatto

A Sambiase  corrispondono: ciampa, ciampari, ciamparijari


Etimologia di zampa:  incrocio di di gampa poi gamba con zanca (lat.med.: scarpa)

giovedì 12 novembre 2009

Ciucci

N'uominu a na fera avia  cumpratu cinque ciucci. Pue saglie supra a unu e sinne torna a ra casa. Strada faciennu se vota arriati  e ri cunta; s'adduna ca 'mbece 'e cinque su diventati quattru. Cunta, torna cunta: su' sempre quattru. Allora torna arriati e all'uominu chi ce l'avia vinnuti dice: tu m'hai 'mbrogliatu; 'mbece 'e cinque ciucci mi n'hai datu quattru. Chiddru guarda e cunta: unu, due, tri, quattru.... pue dice: iu veramente n'aiu cuntatu sie; 'u quintu è suttu 'u culu tue e cu tie su sie.
                                        A.Coltellaro

martedì 10 novembre 2009

Novecento conflentese

Esterina Baratta, conflentese,  attualmente abitante a Nicastro, è stata una donna che ha svolto un ruolo importante, negli anni cinquanta, a Conflenti.

domenica 8 novembre 2009

juta e binuta (andata e ritorno)

u ciucciu

Avia na vota n'uominu nu ciucciu
ch'avia perdutu a gula 'e fatigare
pe quantu ce facia, u poveru patrune
u ciucciu, tuostu, un capiscia ragiune.
E na matina ch'era propriu 'ncazzatu
u piglia, u liga e ru porta a ru mercatu.
A prisenza era bona, a gula 'un se vidia
tiempu nu paru d'ure  e già u vinnia.
e pe ra cuntentizza de cumu l'era juta
 a ra cantina  jiu a se  fare na  vivuta.
Ma n'atru ciucciu vuiliannuse accattare
a fera fera, se mintiu a girare.
C'era nu ciucciu  lisciu e profumatu
chi u guardava c'uacchi e nnammuratu.
Custava caru, ma 'un ce steze a penzare
na stritta 'e manu e cunchidiu l'affare.
Ce saglie supra, e parrannu e bastunannu
a ru ciucciu a via d'a casa va 'mparannu.
Ma u vinu e ra stanchizza eranu tanti
ca   u ciucciu lassa sulu jire avanti.
Pue chiù tardu, appena se rispiglia
se guarda attuornu cu granne meraviglia
e chi te vide? ca u ciucciu sprecuratu
n'atra vota a ra casa era tornatu

                               Antonio Coltellaro


Questa storia si riferisce ad un fatto realmente accaduto a Conflenti.
Il proprietario dell'asino l'aveva portato alla fiera per venderlo. Lo vendette, ma gli zingari, molto abili, lo trasformarono in poco tempo  e glielo rivendettero a un  prezzo maggiorato.

sabato 7 novembre 2009

mercoledì 4 novembre 2009

Ma dove sono finiti i soldi stanziati per il consolidamento e il restauro della chiesa di San Nicola ?

Interessante articolo nel sito del conflentese Egidio Baratta (www.lavocedinocera.it )

Cliccare sul titolo

Certificato


Oggi per ottenere un posto di lavoro bisogna presentare un diploma.
Pare  invece che una volta  per permettere a qualcuno di  assumere un servizio,  lo si autorizzasse  a non frequentare più la scuola.
E' quanto si deduce dal certificato  accanto, in cui un conflentese viene esentato  dall'obbligo della frequenza scolastica  per consentirgli  di  iniziare il servizio di portalettere.
Il certificato  è del 1941. Anno XIX

venerdì 30 ottobre 2009

Come eravamo


Due foto del 1936 del monumento ai caduti.
All'epoca, si trovava in località Cuozzu, dove c'era una piccola villa comunale, meta di passeggiate dei conflentesi.

Nelle due foto Francesco Giudice, nato a Conflenti nel 1915 e morto a Torino nel 2008.
Nella prima foto accanto a lui Nicola Paola di Conflenti Superiore ( figliu 'e Micu 'e scilampu)

mercoledì 28 ottobre 2009

Avvelenamento da funghi a Conflenti

Il territorio intorno a Conflenti è sempre stato meta dei cercatori di funghi. Se la stagione è buona e piove se ne trovano tanti. Molto apprezzati sono i porcini (jacuni), facilmente riconoscibili per la loro forma originale, e i gaddrinieddri utilizzati soprattutto per il sugo. Per le altre specie bisogna fare molta attenzione perché possono essere velenosi e , quindi, pericolosi. Proprio di questi giorni è la notizia che a Conflenti una coppia è stata ricoverata in ospedale per avvelenamento da funghi. Alla donna è stato fatto il trapianto del fegato. Si tratta di due curdi da tempo residenti a Conflenti e molto stimati dalla popolazione locale.
Auguriamo alla coppia una pronta guarigione.

In alto l'articolo che li riguarda (avvelenamento da funghi a Conflenti).

domenica 25 ottobre 2009

L'arte della seta.


Aristide Caruso è figlio di genitori conflentesi. Abita a Lamezia Terme (Nicastro). Il suo sito è : www.aristidecaruso.it


La seta sino agli anni sessanta del XX secolo veniva lavorata anche a Conflenti.

Il termine dialettale che indicava questo tipo di lavorazione era: 'u siricu.

C'era un periodo in cui la maggior parte delle case erano invase di "pampine 'e ciauzu " (foglie di gelso) e poi di cucuddri (o cucuddi) cioè bozzoli

giovedì 22 ottobre 2009

Gabeddra

Gabeddra o Gabedda ( nei paesi vicini si pronuncia Gabella) indica:
  • un' estensione di terreno dato in affitto
  • una tassa da pagare (aju pagatu 'a gabedda ppe' l'uortu)
  • l'ufficio del dazio ( de cca a ra gabedda ce su cientu metri)
A Conflenti e nei paesi vicini, soprattutto a Lamezia Terme (ex Sambiase e Nicastro) sono molte le località con questo nome.

Ecco quanto è scritto in un documento del 1614:

*" Filicetta, gabella de salmate cinque in circa sita nel territorio di Necastro circunferentia di San Biase dove se dicono Le Filicetta, devisa detta gabella in tré membri, cioè due parti della quale sono sopra la via publica che si và a Necastro à man sinistra et una di dette partite confina con le terre di santa Maria delli Malati"

*Acqua dello Salice, gabella di capacità di tumolate dudici di terra netta, confine con la Volta dello Priore, lo fiume dell'Amato et via della Risa: grano tumola sidici et orgio tumola dui. E' nel territorio di Sant'Eufemia.

da : Katia Massara, I possedimenti dei cavalieri di Malta nella pianeta lametina in una platea del '600, Rubbettino

*etimologia:

dall'arabo dialettale gabēla, variante di qabāla, passando per il latino medievale gabulum

lunedì 19 ottobre 2009

venerdì 16 ottobre 2009

Autori conflentesi

Due degli autori di questo libro sono conflentesi:
Vincenzo Villella, noto storico lametino nato a Conflenti,
Maria Grazia Roperto, figlia dell'avv. Michele Roperto.

giovedì 15 ottobre 2009

Premio

Beppe Cerra di Bella di Nicastro, oriundo conflentese, ha ricevuto un premio a Settimo Torinese come poeta. Congratulazioni!

domenica 4 ottobre 2009

Fontana a Nicastro, opera di un conflentese


Non tutti sanno che una fontana di Lamezia Terme (Nicastro) è opera di un abile scalpellino conflentese: Aiello. Si trova nella villa davanti al Duomo. In corso Numistrano. L'autore, ad opera compiuta, ha inciso il suo nome, chiaramente leggibile, in una parte della vasca. Oggi è tanta e tale la sporcizia che ricopre la fontana che non è più possibile individuarlo. Per rendersene conto cliccare sulle foto. (Le foto sono state scattate il 6 settembre 2009).

lunedì 28 settembre 2009

A festa d'a Madonna: Cose bone e cose male

Tante cose bone e due o tri male

a ra festa d'a madonna, chist'annu, ce su state tante cose bone e due o tri male.
Anu mintutu finarmente a navetta. Cussì chine lassava a machina luntana potia jire a ru paise e tornare cu ra navetta. A cosa mala è ca l'autobus era granne e ogni tantu s'avia de fermare pecchì c'eranu autre machine o 'e bancareddre.
N'atra cosa mala è ca l'orario era sinu a re nove d'a sira, ma a re sette 'e menza autobus 'un si ne su' visti chiù.

sabato 26 settembre 2009

' A Musica (La banda) -Agosto 2009

l'urtimu cistaru d'i Cujjienti : Cicciu Vesciu ('u breu) - Agosto 2009

Cicciu è l'unicu chi a ri Cujjienti fa e binne ciste.
Na vota a ru paise (anni cinquanta) e speciarmente a ri Cujjienti suprani ci n'eranu na vintina.
Ciste e panari servianu a ri tiempi de l'uva e d'e castagne, e puru pe' portare a robba d'a campagna.